Una nuova illuminazione per la “Sagrestia Nuova” di Michelangelo Buonarroti

Illuminazione, manutenzione e restauro sono le parole focus legate al progetto promosso dai Musei del Bargello in collaborazione con Lottomatica, che vede protagonista la Sagrestia Nuova nel Museo delle Cappelle Medicee, nell’intento di ricreare l’illuminazione progettata da Michelangelo Buonarroti nel 1519, tale da valorizzare al massimo le sculture dell’artista nel connubio tra arte e architettura. Restituire al luogo la sua lettura cinquecentesca, ritrovando grazie al posizionamento di elaborate lampade al led sull’ultimo cornicione della sagrestia, quel gioco tra luce primaria e secondaria dato dal suo diffondersi nell’ambiente e dal riflettere sui marmi di statue e pareti, antecedente alla costruzione della cupola della Cappella dei Principi del 1604. L’attento e delicato lavoro di scelta e di posizionamento dei led, calibrati rilevando lo spettro luminoso del sole nei pressi di San Lorenzo, eseguito da Mario Nanni, è stato preceduto dall’accurata pulitura e dal restauro a cura di Antonio Forcellino del gruppo di sculture raffiguranti la Madonna con Bambino e i Santi Cosma e Damiano, poste a fianco delle tombe dei granduchi Giuliano e Lorenzo de’Medici. I due interventi di pulitura e di illuminazione, rispettivamente del valore di 15.000 euro il primo e 28.000 il secondo, testimoniano come detto dalla direttrice dei Musei del Bargello, Paola D’Agostino,  “un’evoluzione nella tutela dei beni culturali, dovuta alla piena realizzazione di uno studio conservativo, illumino tecnico e storico artistico durato quasi due anni, reso possibile grazie ad una collaborazione tra pubblico e privato“. Il progetto di pulitura e di restauro, insieme alla scelta e alla collocazione delle nuove luci a led, ha visto anche la collaborazione della dottoressa Monica Bietti, storica dell’arte e responsabile del Museo delle Cappelle Medicee, e dell’architetto Maria Cristina Valenti, responsabile tecnico dei Musei del Bargello.

Testo e fotografie a cura di Simone Teschioni
©Levento


CONDIVIDI SU...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *